Campagna Contro il Muro dell’Apartheid: I Fatti (1/1/04)
Posted in

Campagna Contro il Muro dell’Apartheid: I Fatti (1/1/04)

Il Muro: Furto di Terre ed Espulsione Forzata

  • Il Muro non viene costruito sulla Linea Verde del 1967, o per lo più vicino ad essa, ma piuttosto penetra in profondità la Cisgiordania, espandendo il furto delle terre e delle risorse dei Palestinesi perpetrato dagli Israeliani.
  • Una volta completato, il Muro annette di fatto il 50% della Cisgiordania, isolando diverse comunità in cantoni, enclavi o “zone militari”.
  • La popolazione palestinese nella Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, che comprende circa 1.5 milioni di profughi, è destinata a vivere su un’area che corrisponde solo al 12% della Palestina storica.
  • Quasi il 16% dei Palestinesi in Cisgiordania vivranno “fuori” dal Muro, nelle aree praticamente annesse da Israele, sottoposti a condizioni di vita insopportabili – la perdita di terra, possibilità di commercio, mobilità e mezzi di sussistenza – e minacciati di espulsione. Questi comprendono gli oltre 200.000 abitanti di Gerusalemme Est, che dopo la costruzione del Muro si vedranno completamente isolati dal resto della Cisgiordania.
  • Il 98% dei coloni verranno inclusi nelle aree annesse.
  • Il Muro non è un’“idea” nuova: già dal 1994 la Striscia di Gaza è stata circondata da una barriera che ne divide gli abitanti dal resto del mondo. L’anno scorso Israele ha espanso questa barriera, oltre a costruire una nuova “Cortina di Ferro”.

La Localizzazione ed i Costi del Muro

  • La lunghezza totale prevista per il muro ultimato è di 730 Km.
  • Al momento, il Muro è in costruzione nei distretti di Qalqilia, Tulkarem, Jenin, Ramallah, Gerusalemme e Betlemme ad opera di circa 250 bulldozer, mentre vengono effettuate le misurazioni preliminari in tutta la Cisgiordania.
  • Il Muro costa circa 3.4 miliardi di Shekel israeliani (ca. 4.7 milioni di dollari) al chilometro1.

Le Molteplici Strutture del Muro

    ***image1***

  • Il Muro in cemento, presente a Qalqilia, parte di Tulkarem e Gerusalemme Est, è alto 8 m – due volte più alto del Muro di Berlino – con torri di guardia armate ed una “zona cuscinetto” larga dai 30 ai 100m destinata a barriere elettriche, trincee, telecamere, sensori ed al pattugliamento dei militari.
  • In altri luoghi, il Muro consiste in diversi livelli di filo spinato, strade per il pattugliamento, zone sabbiose per rintracciare le impronte, fossati, telecamere di sorveglianza e, in mezzo, una barriera elettrica alta tre metri.
  • La “zona cuscinetto” del Muro facilita nuove demolizioni in larga scala e l’espulsione dei residenti nelle zone adiacenti al Muro, dato che questo è spesso localizzato a pochi metri da case, negozi e scuole.
  • Oltre ad essere situate nei pressi del Muro, alcune comunità sono ulteriormente segregate da una “Barriera di isolamento”, che le circonda di fatto da tutti i lati.
  • I militari israeliani hanno costruito dei “cancelli” lungo il Muro; questo però non assicura ai contadini l’accesso alle loro terre, ma rinforza il strangolante sistema israeliano di elargizione dei permessi e di posti di blocco, in cui i Palestinesi vengono picchiati, arrestati, minacciati con le armi ed umiliati.

La Creazione di Ghetti

***image2***Il Muro in tutte le sue forme circonda le regioni a più alta densità di palestinesi creando tre ghetti in Cisgiordania, mentre le colonie ebraiche e le strade di “passaggio” ad uso esclusivo dei coloni contribuiscono a suddividere ulteriormente queste aree. L’isolamento di alcune di queste aree dai servizi di base, unito alla perdita di terra, commercio e risorse, significa l’impossibilità, da parte delle comunità, di sostenersi adeguatamente e con dignità.

Ghetto Nord:

  • La costruzione della parte nord-occidentale che va da Jenin a Qalqilia (la “Prima Fase2” del Muro, di 145 Km) è ormaicompletata. I bulldozer continuano ora il percorso a sud verso Ramallah. Nella parte nord-orientale, il Muro si estende da Jenin a Ramallah, unendosi con la linea nord-occidentale e formando un ghetto a nord.
  • Durante la “Prima Fase”, 16 villaggi ad ovest del Muro sono stati di fatto annessi ad Israele e circa altri 50 villaggi sono stati separati dalle loro terre.
  • Inoltre, durante la “Prima Fase”, Israele ha confiscato 36 pozzi d’acqua ed almeno altri 14 pozzi rischiano la demolizione per fare spazio alla “zona cuscinetto” del Muro.
  • A sud di Qalqilia il Muro si estende per 22.5 Km ad est – dritto verso il centro della Cisgiordania – per annettere i villaggi di Ariel e Qedumim.
  • Le terre fra il Muro e la Linea Verde sono state dichiarate da Israele, in modo fuorviante, “zona cuscinetto” . Questo si traduce per i residenti e i proprietari delle terre nell’obbligo di ottenere un permesso per poter rimanere nelle loro case e sulle loro terre. Si tratta quindi dell’annessione di fatto del 3% della Cisgiordania soltanto nella “prima fase” del Muro.

Gerusalemme:

  • Il Muro a Gerusalemme circonda la Città Santa3 e l’anello di colonie che le sono state costruite attorno, completando l’isolamento di Gerusalemme dalla Cisgiordania.
  • Il Muro taglia violentemente attraverso villaggi e quartieri separando famiglie, distruggendo legami sociali ed economici e ghettizzando le aree che Israele considera non appartenenti a Gerusalemme.
  • Questa parte del Muro è prossima al completamento a nord verso Ramallah ed è in costruzione ad est e a sud in direzione di Betlemme.
  • Il distretto di Gerusalemme perderà il 90% della sua terra quando il Muro sarà completato.

Ghetto Sud:

  • Nella Cisgiordania meridionale il Muro circonda Betlemme e Hebron continuando a sud di Gerusalemme Est verso est e verso ovest.
  • A Betlemme e Hebron il Muro di cemento circonderà i principali luoghi sacri, rispettivamente la Tomba di Rachele e la Moschea di Abramo; la Tomba di Rachele è già inaccessibile ai Palestinesi.

Striscia di Gaza:

    ***image3***

  • La striscia di Gaza, con una popolazione di circa 1.3 milioni di abitanti in 365 Km2, è una delle zone più densamente popolate della Terra; completamente circondata com’è, da anni, da muri e filo spinato, è palesemente una prigione per tutti coloro che vi abitano.
  • Durante l’anno scorso è stata intrapresa a Rafah un’estesa distruzione di case e terreni per costruire un muro di ferro di 3 Km e relativa “zona militare” lungo il confine con l’Egitto. Il Muro di Ferro, alto 8 metri, è attrezzato con cancelli elettronici da cui passano i carri armati israeliani e i bulldozer utilizzati per distruggere le case palestinesi quando vanno a fare le incursioni e a commettere i massacri nel campo profughi.
  • In tutto 2000 dunum di terreno sono stati devastati, decine di case demolite e 35 Palestinesi uccisi nelle varie aree circostanti la costruzione del Muro3.

La Posizione Israeliana

  • Likud: “Israele accelererà di molto la costruzione della barriera di sicurezza. Oggi possiamo già vedere come prende forma,” disse il Primo Ministro Ariel Sharon (alla Conferenza di Herzliya, il 18 Dicembre 2003.)
  • Laburisti: Lo scorso maggio l’ex ministro Ehud Barak ha sostenuto che “non c’è motivo per cui Israele non debba costruire uno sbarramento dieci volte più esteso [di quello nella Striscia di Gaza] e blindare Israele e le colonie [nella Cisgiordania]” (Ha’aretz, 15 maggio 2002).
  • Meretz (considerato di estrema sinistra): “Troppo poco e troppo tardi, ma nella giusta direzione” (Avshalom Villan, membro della Knesset, commentando la decisione del parlamento di costruire il Muro nella Cisgiordania settentrionale, 15 aprile 2002).
  • “Chi dice che la barriera non rappresenti una linea politica non sa quello che dice…” sostiene il capo del “Consiglio dei Coloni” della Valle del Giordano, David Levy. “Tutti stanno facendo questo doppio gioco, e conviene a tutti. Ecco perché io sono a favore della barriera, perché ovviamente esso ci includerà [in Israele]” (Yedioth Ahronoth, 31 maggio 2003).
  • “Non mi sono incontrato con il Primo Ministro di recente”, dice Ron Nahman, il sindaco dell’insediamento Ariel, “ma la mappa della barriera, il bozzetto che vedete qui, è la stessa mappa che ho visto durante gli incontri con Arik (Ariel Sharon) dal 1978” (Yedioth Ahronoth, 23 maggio 2003).

Calendario

  • Nel novembre del 2000 Ehud Barak ha approvato il primo progetto per la costruzione di una “barriera”.
  • La costruzione del Muro, inclusa la confisca delle terre e lo sradicamento degli alberi, è iniziata nel giugno 2002 ad ovest di Jenin.
  • Nel settembre 2002 è stata resa pubblica la prima mappa del muro, comprendente una sola parte della barriera settentrionale.
  • Nel settembre 2002 il Comitato Esecutivo ha approvato l’inclusione della Tomba di Rachele all’interno dei confini del Muro.
  • A metà di marzo del 2003 il governo israeliano ha annunciato una variazione del percorso del Muro che includesse gli insediamenti di Ariel ed Immanuel come parte della proposta del Consiglio dei Coloni.
  • La settimana successiva, Sharon ha annunciato l’espansione del Muro attraverso la costruzione di una barriera che penetri ed attraversi tutta la Valle del Giordano, in modo da tenere quest’area sotto totale controllo di Israele.
  • Nell’aprile 2003 Israele ha annunciato il completamento di 27 Km del Muro.
  • Nel luglio 2003 il governo israeliano ha stanziato ulteriori 171 milioni di dollari per la costruzione del Muro.
  • Nello stesso mese il Ministro della Difesa israeliano ha annunciato il completamento della “prima fase” del Muro, per un totale di 145 Km.
  • Il 2 Ottobre 2003 Israele ha emesso delle ordinanze militari che trasformano tutte le terre a ovest della “prima fase” del Muro in “zona di cuscinetto”,
    obbligando la popolazione palestinese di vivere sotto un sistema di permessi che istituzionalizza l’annessione di fatto di queste terre.

  • A Dicembre 2003 Israele ha dichiarato che nel 2004 540 km dei 728 km previsti per il Muro sarebbero stati completati mentre l’intero “progetto” dovrebbe essere portato a termine nel 2005.

***image4***

1 The West Bank WALL: Humanitarian Status Report, UN Office for the Coordination of Humanitarian Assistance (OCHA), luglio 2003.
2 Per ulteriori informazioni si veda le “Indagini della Campagna contro il Muro dell’Apartheid: La ‘prima fase’ del Muro”
3 Immagini tratte dall’ Al-Mezan Center for Human Rights, Gaza.

SCARICA IL DOCUMENTO IN PDF! [573K]

en_USEnglish